A Montecchio Maggiore il Comune viola le regole, Polizia Locale e dipendenti in fuga verso altre amministrazioni

Vicenza -

Quel che stiamo vedendo nel Comune di Montecchio Maggiore tra i lavoratori della Polizia Locale è solo la punta dell'iceberg di una situazione divenuta ormai paradossale.


Amministrazioni comunali di tutti i colori e bandiere hanno da qualche anno snaturato le tipiche  funzioni della Polizia Locale trasformandola da una polizia amministrativa al servizio del cittadino con i controlli di competenza quali il codice della strada, la polizia edilizia, commerciale, annonaria e le attività di polizia giudiziaria correlate a tali campi (tanto per fare qualche esempio), a una brutta copia delle forze di polizia statali, preparate invece a gestire l'ordine pubblico e la pubblica sicurezza.


Tutto questo per gettare fumo negli occhi del cittadino, ottenere  facile pubblicità e soprattutto una sorta di falsa immagine di sicurezza cittadina che andrebbe invece affrontata con ben altre azioni di prevenzione, tipiche delle attività di polizia a ordinamento statale ma anche con un lavoro di collaborazione con i settori sociali e culturali di ogni seria amministrazione comunale.


Assistiamo quindi ad attività basate sull'apparenza anziché sull'approfondimento di indagine che dovrebbe essere affidato ad altri corpi, e sindaci e amministratori comunali che chiedono di partecipare alle attività della Polizia Locale solo per apparire sui social, ostacolando e mettendo a repentaglio invece l'incolumità degli operatori della Polizia Locale e il cittadino stesso.

La situazione a Montecchio Maggiore è ancora peggiore,  con turni massacranti, mancanza di personale in fuga verso altri enti, orari imposti senza una logica funzionale, riposi saltati per far posto agli improvvisi capricci di qualche amministratore comunale  di turno e “attività” gestite in maniera a dir poco “artigianale” che spesso vanno ad ostacolare il prezioso lavoro di altri corpi o distolgono gli operatori da attività molto più pregnanti per la gestione delle funzioni tipiche della Polizia Locale.


Quel che si chiede è solamente il rispetto delle regole, delle norme, della salute e della sicurezza del lavoratore nella Polizia Locale ma anche in altri settori visto che in quasi tutti i delicati comparti della macchina comunale di Montecchio Maggiore è cronica la mancanza di addetti ed impiegati.

 USB invita quindi i lavoratori e le lavoratrici della Polizia Locale di Montecchio Maggiore ma anche i colleghi degli altri settori, a una mobilitazione continua per vedere riconosciuti le legittime spettanze e tutele e per far fronte ad una amministrazione comunale che non pone il cittadino in primo piano garantendogli adeguati servizi ma solo effimere ed inconsistenti parvenze di nessun valore sociale.

Unione Sindacale di Base Pubblico Impiego

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni