Civitavecchia. Trasferimenti, concorsi e precari...

Civitavecchia -

 

CI RISIAMO,  RIECCO  IL BALLETTO DEI TRASFERIMENTI



RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI
ALL’INSEDIAMENTO DELLA NUOVA GIUNTA MOSCHERINI SI PROVVEDE A:
CAMBIO MACRO E MICROSTRUTTURA; TRASFERIMENTO E ROTAZIONE DEI DIRIGENTI; TRASFERIMENTO E ROTAZIONE DEI FUNZIONARI; TRASFERIMENTO DEI DIPENDENTI, SENZA SEGUIRE REGOLE E CRITERI, PER ACCONTENTARE I NUOVI ASSESSORI E I NUOVI DIRIGENTI CON PENALIZZAZIONE DEI DIPENDENTI CHE NON FANNO PARTE DI CORDATE POLITICHE O PARENTELE DI FIDUCIA.
DOPO UN ANNO: PARALISI DEGLI UFFICI, SERVIZI INEFFICIENTI,  CRISI DI GIUNTA E RIMPASTO.

                                                        
SITUAZIONE ATTUALE
NUOVI ASSESSORATI E NUOVI ASSESSORI, ASSESTAMENTO DIRIGENTI, ASSESTAMENTO FUNZIONARI CON ASSEGNAZIONE DI POSIZIONI ORGANIZZATIVE AL LIMITE DEL RIDICOLO, DI NUOVO TRASFERIMENTO DEI DIPENDENTI PER MASCHERARE I SOLITI CARROZZONI CHE SI SPOSTANO DA SETTORI A SETTORI, DA UFFICI A UFFICI.


PENALIZZATI I SOLITI DIPENDENTI CHE NON FANNO PARTE DELLE CORDATE CHE CONTANO E CHE HANNO UNA DIGNITA’ LAVORATIVA CHE LI PORTA A SUBIRE VISTO CHE NON CHIEDONO MAI NULLA A NESSUNO MA LAVORANO IN SILENZIO E SONO POI INVECE PENALIZZATI.


CONSEGUENZE: NUOVA PARALISI DEGLI UFFICI, SERVIZI INEFFICIENTI E PROBABILE NUOVA CRISI DI GIUNTA. STESSO FILM GIA VISTO AD OGNI CAMBIO DI GIUNTA.

LA NOSTRA ORGANIZZAZIONE SINDACALE DA ANNI DENUNCIA LE STORTURE POLITICHE DI OGNI COLORE O COALIZIONE E ANCHE QUESTA VOLTA HA COLPITO NEL SEGNO, QUESTA AMMINISTRAZIONE COMUNALE ARROGANTE E POCO RIGUARDOSA DELLA DIGNITÀ DEI PROPRI DIPENDENTI E DELLA CITTADINANZA, PROCEDE CON PROVVEDIMENTI SENZA RISPETTO DEGLI ACCORDI SINDACALI, DEL CONTRATTO DECENTRATO E DEI CRITERI PER I TRASFERIMENTI DEL PERSONALE INTERNO.


NEL FRATTEMPO, SENZA PIÙ CONTROLLO NEMMENO DELLA SPESA DEL PERSONALE, PROVVEDE AD ASSUMERE CON GLI ARTT.LI 110 E 90 DELLA 267, COLLABORATORI E AMICI CHE NON SERVONO A NULLA E CHE GRAVANO SULLE SPALLE DEI CITTADINI; PUNTUALMENTE TUTTO CIÒ CREA MALINTESI, DISSAPORI E LOTTE TRA POVERI ALL’INTERNO DELLA STESSA MACCHINA COMUNALE.


MA IL DECRETO 112 LEGGE 133 DOVE È FINITO? MA IL MINISTRO BRUNETTA, CHE VA TANTO DI MODA, QUANDO INTERVIENE VISTO CHE SI DEVE RAZIONALIZZARE LA SPESA DEL PERSONALE CON LIMITAZIONE DI ASSUNZIONI COLLABORATIVE?

NOI STIAMO CON I DIPENDENTI RESPONSABILI O DEBOLI TRA VIRGOLETTE, NON SERVI DI NESSUNO E CHE HANNO UNA DIGNITA’ LAVORATIVA UGUALE PER TUTTI I COLORI POLITICI.

 

DIPENDENTI COMUNALI E  CITTADINI UTENTI, E’ ORA DI  SVEGLIARSI,
 I DANNI DI QUESTE POLITICHE LE PAGHIAMO SOLO NOI.

 

 

 

LA VERITA’ UNICA AL COMUNE DI CIVITAVECCHIA
E’ LA SPESA DEL PERSONALE.
RIECCO GLI ARTT.90



Assistiamo e partecipiamo sempre più sbigottiti alla diatriba per la fantomatica stabilizzazione di lavoratori precari e per la valorizzazione delle risorse umane interne al Comune; dopo un anno di lotte, assemblee, ricorsi in Prefettura e Scioperi si era arrivati alla firma di un accordo con l’Amministrazione Comunale (20 giugno) che accoglieva le esigenze delle controparti quindi mediava tutte le posizioni. Ora l’Amministrazione Comunale, con arroganza e contro tutte le buone regole, cambia atteggiamento, non rispetta l’accordo sottoscritto e propone una stravolgente nuova delibera che ai Sindacati e alla RSU viene presentata solo come informazione e consultazione preventiva quindi senza alcun obbligo di accordo; della serie “O TI CIUCCI STA MINESTRA O TI BUTTI DALLA FINESTRA”. La RSU del comune, a maggioranza (4 su 7) tramite i rappresentati RDB-CUB Flavio Zeppa, Nicla Rella e Silvia Salvatori unitamente al collega Mario Curi della CGIL,  rigettava l’informativa dell’Amministrazione e confermava l’accordo sottoscritto il 20 Giugno, accettando di fatto soltanto l’aumento dei posti a concorso per Vigili Urbani.

Non era assolutamente possibile accettare la decurtazione dei posti a concorso per videoterminalisti (da 24 a 21), la decurtazione delle progressioni verticali o meglio carriere interne (da 35 a 11) e infine la sparizione totale delle stabilizzazioni  dei lavoratori diversamente abili e borse lavoro con tirocinio risocializzante.

Il nuovo e grave atteggiamento dell’amministrazione  aveva un solo scopo, quello di diminuire la spesa del personale (al limite consentito con l’accordo 20 giugno come certificato dal dirigente finanze) per poter assumere nuovi collaboratori del sindaco con l’art.90.; sono pronte le ordinanze sindacali di assunzione per altri 10 collaboratori cosi’ diventano 35 e la spesa del personale per i collaboratori aumenta vertiginosamente  intorno al 1.300.000 euro annui.

Questo e’ il vero motivo della vertenza con l’amministrazione comunale e della spaccatura sindacale e bene ha fatto la cgil fp a disdettare la firma sulla proposta e a chiedere la salvaguardia delle regole sindacali e della rsu, intollerante e grave invece e’ il compiacimento delle altre sigle sindacali alla nuova proposta.

LA RDB-CUB, da sempre attenta al contenimento della spesa sul personale e a fianco dei dipendenti comunali e dei lavoratori precari e delle loro aspettative, mantiene ferma la propria posizione in merito all’accordo sottoscritto il 20 giugno scorso ed ha invitato l’amministrazione a fornire i dati attuali della spesa del personale per poterli confrontare con la previsione 2008  consegnata ufficialmente in contrattazione decentrata prima dell’accordo.
Altre soluzioni o inciuci per assumere amici degli amici a discapito dei veri lavoratori non possono essere piu’ tollerate.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni