Firenze. Firmando l'accordo per il Pubblico Impiego, hanno tirato via la maschera ed hanno definitivamente accettato il Decreto Brunetta

In allegato il volantino

Firenze -

Con la firma dell’accordo sul Pubblico Impiego, Cisl, Uil e il resto, hanno definitivamente calato la maschera, non solo hanno nuovamente accettato un contratto da fame, avvallando in tutto e per tutto il taglio salariale previsto dal 133/08 (Brunetta – Tremonti) e offrendo  ai lavoratori pubblici l’ennesima  elemosina : 100 Euro lordi per l’intero anno 2008, che bontà loro ci verranno erogati nel mese di Dicembre e 61 Euro lordi al mese per il 2009.



Ma come se questo non bastasse, con la firma dell’accordo Cisl, Uil e il resto, hanno accettato con totale indifferenza e superficialità la  decurtazione dello stipendio in caso di malattia,  gli “arresti domiciliari” per i dipendenti pubblici malati, l’espulsione dei lavoratori precari (tutte misure contenute nella 133/08) e che ogni sindacato degno di questo nome, ne avrebbe dovuto richiedere l’immediata rimozione prima di sedersi a qualsiasi tavolo.



Sul giudizio positivo che Cisl,Uil e il resto danno sull’accordo raggiunto, c’è poco da aggiungere, ci hanno oramai abituati  fino alla nausea, a dichiarazioni “supine” rispetto alle proposte della controparte, sia essa Governo, Confindustria o Amministrazioni varie.



Per il momento, il maggior sindacato non ha ancora sottoscritto l’accordo economico, e di questo ne va dato atto, ma, non possiamo scordare che lo scorso anno con un quadro politico diverso, non ci ha pensato neppure un minuto insieme a Cisl e Uil a sottoscrivere contratti ugualmente miserevoli.



Per anni ci hanno chiesto sacrifici e moderazione salariale, ed ora di fronte ad una crisi generata da loro, per fare speculazione finanziaria trovano centinaia di miliardi di Euro in poco tempo da regalare a banche e imprese.

Ma allora i soldi ci sono e sono tanti ! Ma da dove li prendono ?
La risposta è semplice : LI PRENDONO DIRETTAMENTE DA NOI !

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni