Firenze. Presidio degli educatori scolastici delle cooperative L'Agorà e Di Vittorio

Firenze -

Si rende noto che, il giorno lunedì 13 maggio 2013 dalle ore 15, si svolgerà a Palazzo Vecchio lato via dei Gondi a Firenze un presidio degli educatori scolastici delle cooperative L’Agorà e Di Vittorio per rivendicare il diritto di iniziare a lavorare con l’avvio dell’attività didattiche previsto per il giorno 11 settembre.
Si manifesta, inoltre, per garantire questo servizio, indispensabile per molti minori disabili, senza il quale viene di fatto negato il diritto ad una regolare frequenza scolastica e, si consideri,che proprio i primissimi giorni di scuola sono di fondamentale importanza per aiutare i ragazzi a superare le loro difficoltà nel rapporto con i compagni e con i docenti ed avviare una buona integrazione
Il pericolo di un ritardo nell'attivazione del servizio è reale e amplificato dal fatto che si svolgeranno a Firenze dal 22 al 29 settembre i mondiali di ciclismo, con la paventata possibilità di chiusure straordinarie delle scuole e attivazione del servizio educativo dal 1 ottobre!!!
Sarebbe gravissimo che tale manifestazione sportiva costituisse un ulteriore danno per lavoratori che già sono sottoposti ogni anno a tre mesi di completa assenza di reddito a causa della sospensione estiva.
Si richiede, perciò, una chiara presa di posizione del Sindaco e dell’Assessore alla pubblica istruzione in merito, che sgombri ogni dubbio circa la tutela del diritto al lavoro per gli educatori.

Firenze 10 maggio 2013
 

Gli Educatori dell’Unione Sindacale di Base

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati