LAZIODISU: BISOGNA CAMBIARE!

In allegato il volantino

Roma -

L’Ente per il Diritto allo Studio Universitario è oggetto da tempo delle attenzioni di ogni parte politica.


Gli interessi che girano attorno all’Ente (appalti, alloggi per gli studenti, mense, etc.) si scontrano ancora una volta con le esigenze degli studenti e dei lavoratori.


Le riforme che si sono succedute nel corso del tempo hanno sempre più privatizzato e precarizzato Laziodisu.


Oggi quasi 100 lavoratori sono precari, ma le prassi concertative di cgil-cisl-uil (appiattite sulle posizioni della politica sia di destra, che di sinistra), impediscono l’avvio di qualunque percorso di stabilizzazione (a cominciare da quella che riguarda i cd. cantieristi).


Allo stesso tempo viene impedito lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi interni e l’esodo incentivato per i dipendenti che ne hanno diritto (come accaduto in regione).


RdB ritiene che gli spazi di manovra per ribaltare la situazione siano estremamente ridotti, anche perché la Giunta Regionale ha già deciso – lo scorso anno – la trasformazione di Laziodisu in “ente economico”: ovvero la trasformazione in una vera e propria società privata.


Questa modifica inciderà oltre che sulla vita dei lavoratori anche sull’erogazione dei servizi per gli studenti dell’Università più grande d’Europa.


RdB ritiene che, se l’attuale Giunta Regionale vuole davvero differenziarsi da quella che l’ha preceduta, deve avviare un vero risanamento di Laziodisu riportando l’Ente all’interno della Regione e chiudendo una volta per tutte il capitolo del malaffare e degli interessi di bottega.


I Lavoratori e gli Studenti che fruiscono dei servizi saranno sicuramente grati.
Sostieni RdB  per:

LA STABILIZZAZIONE DI TUTTI I PRECARI;


L’AVVIO DEGLI ESODI INCENTIVATI

LO SCORRIMENTO DELLE GRADUATORIE

BLOCCARE LA PRIVATIZZAZIONE DI LAZIODISU

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni