Provincia di Bologna. CATTIVE NOTIZIE PER I LAVORATORI: IL CONSIGLIO APPROVA IL BILANCIO 2009

In allegato il comunicato

Bologna -

Nel tardo pomeriggio di venerdì 19 dicembre, il Consiglio provinciale ha approvato a maggioranza il Bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2009, che come bene i lavoratori sanno comporterà:


o    LICENZIAMENTO DEI LAVORATORI PRECARI

o    BLOCCO DEL TURN OVER

o    TAGLIO DEL 50% DEL SALARIO ACCESSORIO

o    BLOCCO DELLE PROGRESSIONI A TUTTO IL 2011

o    AUMENTO DEI CARICHI DI LAVORO



Durante la lunga discussione, i problemi riguardanti il personale (precario e non) sono stati più volte dibattuti, ma nella sostanza tutto è rimasto invariato.


Per quanto riguarda i lavoratori precari sono state confermate (sempre che per l’anno 2008 venga rispettato il Patto di Stabilità) 16 assunzioni (stabilizzazioni, trasformazioni CFL, concorsi pubblici). Gli altri colleghi vengono rimandati, non si sa con quali garanzie, al biennio 2010/2011.


Peccato che in risposta ad alcune interrogazioni fatte da vari Consiglieri, l’Assessore al Bilancio Benuzzi, abbia dovuto ammettere che, a causa della situazione dell’Ente (per il 2009 è previsto un “buco” di circa 14 milioni di euro) molto difficilmente per l’anno prossimo l’Amministrazione sarà nuovamente in grado di rispettare il Patto di Stabilità, con buona pace delle promesse propagandistiche e pre elettorali riguardanti i lavoratori precari!!!


Come delegati RdB/P.I. aziendali avevamo chiesto ai Consiglieri di esprimere un voto contrario su questo Bilancio, la maggioranza dei Consiglieri ha invece, legittimamente, deciso di dare il proprio assenso o di astenersi.


Riteniamo questa decisione molto grave per i deleteri effetti concreti che avrà su tutti i lavoratori dell’Ente.

Continueremo le forme di mobilitazione che più riterremo opportune, i Sigg. Consiglieri non si illudano: i fatti hanno la testa dura e i lavoratori la memoria molto lunga…

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni