Riforma Camere di Commercio, rischio di licenziamento per i lavoratori di Unioncamere Umbria

Perugia -

La riforma del sistema camerale italiano firmata dall’allora ministro Calenda e tanto decantata dal governo Renzi, anziché migliorare i servizi per le imprese, mette a rischio i posti di lavoro.

 

Non sarà una giornata di festa del lavoro quella di domani per i lavoratori di Unioncamere Umbria che questa mattina si sono visti recapitare le lettere che preavvisano il loro licenziamento che avverrà tra 60 giorni.

 

Il tutto nasce da una disputa campanilistica e di potere tra la Camera di Commercio di Perugia e quella di Terni che non si vogliono accordare in virtù dell’accorpamento previsto dal decreto di riforma per la Regione Umbria.

 

È scandaloso che a farne le spese siano i lavoratori che nulla hanno a che fare con lotte interne per il mantenimento di cariche e poltrone.

 

USB auspica che in questo breve lasso di tempo si riesca a trovare una definitiva soluzione, altrimenti riterrà direttamente responsabili tutti gli attori in campo in questa vicenda, che saranno chiamati a dar conto nelle sedi opportune.

 

 

 

 

P./USB P.I.

Funzioni Locali

Gilberto Gini

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati