ZERO IN CONDOTTA

Roma -

A seguito dell’approvazione del contratto decentrato del Comune di Roma sottoscritto da cgil-cisl-uil-diccap-ugl nonostante i contrasti espressi dai lavoratori e lavoratrici dentro e fuori le assemblee (soprattutto riguardo al esttore scolastico educativo), RdB ritiene necessario un vero e proprio atto di disobbedienza generale da parte di tutto il personale scolastico ed educativo, che renda ingestibile l’accordo appena sottoscritto, almeno per quello che riguarda questo settore.

Il contratto prevede infatti che sia il gruppo educativo a esprimersi sulle modalità di organizzazione dei nuovi orari, che comunque hanno valenza di sperimentazione.

Dobbiamo perciò far fallire una sperimentazione nata ai piani alti del dipartimento e non condivisa e non partecipata con i protagonisti veri dei servizi: le lavoratrici e gli utenti.

Quindi invitiamo tutte le lavoratrici dei servizi scolastici ed educativi a respingere in massa, nei collegi docenti e nei gruppi educativi, le nuove proposte di orario segnalando che le esigenze specifiche di ogni struttura non necessitano della modifica di alcun orario o dell’introduzione di nuove flessibilità, ma ribadendo la centralità della funzione scolastica-educativa.

A questa prima iniziativa faranno seguito assemblee nei vari municipi e la costituzione di un coordinamento cittadino sia per quello che riguarda il personale di ruolo, sia per quello che riguarda il personale precario.

A tutti/e l’invito a partecipare allo

SCIOPERO GENERALE
Venerdì 21 ottobre 2005

Contatti e info: Roberto Betti 340/5581894

Manifestazione Nazionale a Roma, Piazza Repubblica ore 9.30

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni