Lazio. Illegittima la legge 'salva perequazione: ..E ORA CHI PAGA I DANNI ALL'ERARIO ED AI LAVORATORI?

In allegato il comunicato e la sentenza

Roma -

LA CORTE COSTITUZIONALE
CON LA SENTENZA N.195 DEL 2010
DICHIARA L’ILLEGITTIMITA’ COSTITUZIONALE DELLA LEGGE REGIONALE
 “SALVA PEREQUAZIONE”!



LE PRECEDENTI GIUNTE STORACE-MARRAZZO ED I LORO CONSIGLIERI REGIONALI HANNO VOLUTO IGNORARE OSTINATAMENTE LE PROPOSTE DEL NOSTRO SINDACATO CHE E’ STATO L’UNICO A RICHIEDERE UNA LEGGE REGIONALE PER RICONOSCERE IL GIUSTO DIRITTO ALLA CARRIERA A TUTTO IL PERSONALE, PRIMA CHE FOSSERO PROMULGATE LE SENTENZE CHE ANNULLAVANO IL REGOLAMENTO DI PEREQUAZIONE.

TUTTI I LAVORATORI SONO STATI COSI’ VITTIME DI UNA POLITICA SCELLERATA CHE HA CONTINUATO A PERSEVERARE NELL’ILLEGALITA’ NONOSTANTE LE SENTENZE PASSATE IN GIUDICATO!

ADESSO QUESTO SCOTTANTE PROBLEMA E’ NELLE MANI DELLA NUOVA GIUNTA!

 

RITENIAMO NECESSARIO, OLTRE AD INDIVIDUARE I RESPONSABILI CHE DEVONO PAGARE GLI ERRORI COMMESSI, DARE LA RISPOSTA ADEGUATA PER SUPERARE I DANNI PERPETRATI NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI.

 

INVITIAMO PERTANTO L’AMMINISTRAZIONE ED I SINDACATI CHE IN PRECEDENZA HANNO SOSTENUTO QUELLA POLITICA DEI FAVORITISMI, A NON PERDERE QUESTA VOLTA L’OCCASIONE DI ASCOLTARCI PER TROVARE LE SOLUZIONI CHE GARANTISCANO VERAMENTE TUTTI I LAVORATORI.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni