Regione Lazio. IL REFERENDUM DI CGIL E UIL E' CONTRARIO ALLA LEGGE!

In allegato il volantino

Roma -

IL REFERENDUM FARSA - COSì COME VIENE PROPOSTO NEI VOLANTINI DI CGIL E UIL - E’ PRIVO DEI REQUISITI RICHIESTI DALLO STATUTO DEI LAVORATORI.

INFATTI QUESTO REFERENDUM E’ STATO INDETTO IN VIOLAZIONE DALL’ART.21 DELLA LEGGE 300/70 E DI QUALUNQUE REGOLA DI BUON SENSO, ESCLUDENDO IL  RISPETTO DEI CRITERI NECESSARI A GARANTIRE I LAVORATORI CIRCA L’INFORMAZIONE E LA CORRETTEZZA DEL SUO SVOLGIMENTO.


INOLTRE E’ STATO COMUNICATO CON UN VOLANTINO IN FRETTA E FURIA, SOLO DA DUE OO.SS., IL VENERDI’ PER IL LUNEDI’ SUCCESSIVO:


-    NON E’ STATO INDETTO DALLA RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA (RSU), O DA TUTTE LE RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI, COME PREVISTO DALLA NORMA;


-    NON SI SVOLGE FUORI DELL’ORARIO DI LAVORO, COME PREVISTO DALLA NORMA;


-    NON ESPLICITA NEL DETTAGLIO QUALE SIA IL QUESITO REFERENDARIO;


-    NON PREVEDE I TEMPI NECESSARI PER ASSICURARE LA CORRETTA INFORMAZIONE AI LAVORATORI;


-    NON VIENE INDIVIDUATA L’UBICAZIONE E LA COMPOSIZIONE DEI SEGGI;


-    NON DEFINISCE IL NUMERO ED I REQUISITI DEGLI AVENTI DIRITTO AL VOTO, PER POTERNE STABILIRE IL QUORUM E L’ESITO;


-    NON RISULTA CHIARAMENTE GARANTITA LA SEGRETEZZA DEL VOTO E LA POSSIBILITA’ DI PRENDERVI PARTE A TUTTI GLI AVENTI DIRITTO;


-    LASCIA CREDERE CHE RIGUARDA SOLO LE CATEGORIE A, B e C DEL COMPARTO.

 

USB E’ DELL’AVVISO CHE TUTTE LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI O L’INTERA RSU DEBBANO ASCOLTARE LA RICHIESTA DI DEMOCRAZIA  CHE VIENE DAI LAVORATORI INDICENDO UN VERO REFERENDUM CON REGOLE CHIARE, QUESITI ESPLICITI E SEGGI PRESENTI IN OGNI SEDE REGIONALE, DA TENERSI ENTRO LA FINE DI OTTOBRE.

I LAVORATORI HANNO DIMOSTRATO DI NON ESSERE PIù DISPOSTI A PAGARE GLI SPERPERI DELLA POLITICA,
ORA I SINDACATI DIMOSTRINO DI NON RENDERSI COMPLICI DEGLI IMBROGLI DELLA DIRIGENZA

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni