Roma. SBAGLIATI I DATI SUI NIDI COMUNALI FORNITI DA ALEMANNO

Lunedì 3 maggio continua il presidio RdB al Consiglio Comunale

Roma -

RdB analizza i dati dei nidi comunali forniti dal Sindaco dopo i primi due anni di mandato: “In primo luogo verifichiamo che i nidi comunali sono 197, e non 202 come sostenuto da Alemanno, e molti di questi sono chiusi da anni, come nel caso di Alfonso Gallo nel Municipio 19 o di Piazza Condottieri nel Municipio 6”, commenta Maria Antonietta Nicolai, rappresentante RdB del Comune di Roma.

 

“Dei 20.793 posti nei nidi di cui ha parlato Alemanno ben 7.177 sono completamente privati – prosegue Nicolai -  mentre i bambini rimasti in lista d'attesa sono quasi 9.000. Se fosse vero quanto asserito dall’Amministrazione, ovvero una lista d’attesa attuale di 4.521 bambini, in questi mesi dovrebbero esserne stati inseriti oltre 4.000, e non ci sembra proprio che ciò sia accaduto” .

 

Aggiunge la rappresentante RdB: “Per dare risposte ai quasi 9.000 bambini in lista di attesa occorrerebbe aprire 150 nidi da 60 posti ciascuno. Ci sembra inoltre che la Giunta Alemanno voglia utilizzare la pratica delle concessioni, peraltro molto costose e già da noi denunciate quando le attivò Veltroni, per privatizzare anche i nidi comunali in ristrutturazione e destinare il personale di ruolo a tappare i buchi di organico, disperdendo sia il patrimonio di professionalità delle educatrici che la loro coesione sociale con l’utenza”.

 

“La nostra preoccupazione è che quanto oggi sta avvenendo per i nidi possa riguardare la scuola dell’infanzia domani, come dimostra la riduzione di personale nelle cosiddette sezioni ponte.  Per questo educatrici e insegnanti, cuochi e ausiliari, continueranno a presidiare le sedute del Consiglio Comunale il prossimo lunedì 3 maggio, fino allo sciopero indetto da RdB per il 18 maggio”, conclude Nicolai.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni