NIDI COMUNE DI ROMA:CONFERMATO LO SCIOPERO DEL 28 E 29 SETTEMBRE

PROSEGUE LA MOBILITAZIONE DEL PERSONALE CON AZIONI DI DISOBBEDIENZA CIVILE

Roma -

Si é tenuta ieri in via Capitan Bavastro, presso la sede del Dipartimento XI, Politiche Educative e Scolastiche, l’assemblea del personale dei nidi indetta dalle RdB-CUB a cui hanno partecipato oltre 600  lavoratrici e lavoratori del settore.   

Durante l’incontro è stato analizzato il documento presentato dall’Amministrazione comunale  il 23 luglio scorso, in cui viene ribadita la riduzione di organico nei nidi e nelle sezioni ponte e sono precisate le nuove modalità di sostituzione del personale assente, che porteranno ad un ulteriore aumento dei carichi di lavoro ed all’impossibilità concreta di seguire i percorsi di crescita dei bambini.

“I lavoratori e le lavoratrici hanno preso atto dell’atteggiamento unilaterale assunto della Giunta Alemanno, che già in questi giorni ha dato il via alle modifiche organizzative senza un adeguato confronto sindacale”, riferisce Caterina Fida, della RdB CUB del Comune di Roma.  “Inoltre hanno sonoramente bocciato la doppiezza sia dell’Amministrazione comunale sia delle organizzazioni sindacali, che mostrano apparenti aperture alle esigenze della cittadinanza ma poi finiscono per concordare sottobanco le future scelte strategiche per Roma”.  

Prosegue Fida: “Altrettanto dura la posizione delle lavoratrici nei confronti delle scelte privatistiche dell’Amministrazione, che cerca di contenere il numero delle strutture a gestione diretta favorendo i privati in convezione, i quali riescono ad contenere il costo del servizio sottopagando il personale ed aumentando le ore di lavoro a contatto con i bambini”, conclude la rappresentante RdB-CUB.

L’assemblea ha pertanto deciso unanimemente di confermare i due giorni di sciopero, indetti dalla RdB-CUB per il 28 e 29 settembre, e di continuare la protesta attraverso iniziative di mobilitazione nei confronti del Consiglio Comunale e dei  Consigli Municipali e con azioni di vera e propria disobbedienza civile, fino a quando l’Amministrazione non porrà in essere azioni concrete per ripristinare almeno le unità tolte nei nidi e nelle sezioni ponte e dimostri più rispetto per il lavoro di chi ogni giorno si impegna per far vivere meglio le future generazioni.

 

 

 

.


L'11 settembre in TV

Venerdì 11 settembre Caterina Fida, RdB-CUB Comune di Roma, dalle ore 21.00 sarà ospite in studio della trasmissione di Romauno tv "Metropolis", dedicata ai problemi della scuola.  E' previsto collegamento con l'assessore Marsilio. Invitamo tutte le lavoratrici ed i lavoratori della scuola ad intervenire telefonicamente in trasmissione.
 

Romauno trasmette su:

Analogico
» Roma: CH 31
» Lazio: Monte Lungo Ch.65 / Vallemaio Ch.62. Monte Curio Ch.G / Isola Liri Ch.31

Satellite
Sky CH.860

oppure in chiaro con queste coordinate:
Hot Bird 6 - Frequenza 11.541
Polarizzazione Verticale
FEC 5/6 - SR 22000

E' inoltre possibile seguire la diretta in streaming,via computer, sul sito http://www.romauno.tv/index.aspx?ln=it


9 settembre 2009 - Adnkronos

ROMA: RDB-CUB, 28 E 29 SCIOPERO PER RIDUZIONE ORGANICO NEI NIDI

Roma, 9 set. - (Adnkronos) - L'assemblea del personale dei nidi indetta dalle RdB-Cub, «analizzato il documento presentato dall'Amministrazione comunale il 23 luglio scorso, in cui viene ribadita la riduzione di organico nei nidi e nelle sezioni ponte e sono precisate le nuove modalità di sostituzione del personale assente, che porteranno ad un ulteriore aumento dei carichi di lavoro e all'impossibilità concreta di seguire i percorsi di crescita dei bambini». Lo afferma in una nota Caterina Fida, della RdB CUB del Comune di Roma ha confermato i due giorni di sciopero per il 28 e 29 settembre. L'Assemblea ha poi deciso di «continuare la protesta attraverso iniziative di mobilitazione nei confronti del Consiglio Comunale e dei Consigli Municipali e con azioni di vera e propria disobbedienza civile, fino a quando l'Amministrazione non porrà in essere azioni concrete per ripristinare almeno le unità tolte nei nidi e nelle sezioni ponte e dimostri più rispetto per il lavoro di chi ogni giorno si impegna per far vivere meglio le future generazioni».


9 settembre 2009 - Ansa

SCUOLA: RDB-CUB, CONFERMATO SCIOPERO NIDI COMUNE ROMA 28-29

(ANSA) - ROMA, 9 SET - Conferma dei due giorni di sciopero per il 28 e 29 settembre e proseguimento della protesta attraverso iniziative di mobilitazione nei confronti del consiglio comunale e dei consigli municipali, ma anche «azioni di vera e propria disobbedienza civile, fino a quando l'Amministrazione non porrà in essere azioni concrete per ripristinare almeno le unità tolte nei nidi e nelle sezioni ponte e dimostri più rispetto per il lavoro di chi ogni giorno si impegna per far vivere meglio le future generazioni». Questo l'esito dell'assemblea del personale dei nidi presso la sede del Dipartimento XI, Politiche Educative e Scolastiche, indetta da RdB-CUB a cui hanno partecipato 600 persone del settore. «I lavoratori - spiega Caterina Fida, della RdB CUB del Comune di Roma - hanno preso atto dell'atteggiamento unilaterale assunto della Giunta Alemanno che già in questi giorni ha dato il via alle modifiche organizzative senza un adeguato confronto sindacale. Inoltre hanno sonoramente bocciato la doppiezza sia dell'Amministrazione comunale sia delle organizzazioni sindacali, che mostrano apparenti aperture alle esigenze della cittadinanza ma poi finiscono per concordare sottobanco le future scelte strategiche per Roma».


9 settembre 2009 - Omniroma

ASILI NIDO, RDB-CUB: CONFERMATO SCIOPERO 28 E 29 SETTEMBRE

(OMNIROMA) Roma, 09 set - «Si é tenuta ieri in via Capitan Bavastro, presso la sede del Dipartimento XI, Politiche Educative e Scolastiche, l'assemblea del personale dei nidi indetta dalle RdB-CUB a cui hanno partecipato oltre 600 lavoratrici e lavoratori del settore. Durante l'incontro è stato analizzato il documento presentato dall'Amministrazione comunale il 23 luglio scorso, in cui viene ribadita la riduzione di organico nei nidi e nelle sezioni ponte e sono precisate le nuove modalità di sostituzione del personale assente, che porteranno ad un ulteriore aumento dei carichi di lavoro ed all'impossibilità concreta di seguire i percorsi di crescita dei bambini». Lo comunica Rdb-Cub con una nota. «I lavoratori e le lavoratrici hanno preso atto dell'atteggiamento unilaterale assunto della Giunta Alemanno, che già in questi giorni ha dato il via alle modifiche organizzative senza un adeguato confronto sindacale - dice Caterina Fida, della RdB CUB del Comune di Roma - Inoltre hanno sonoramente bocciato la doppiezza sia dell'Amministrazione comunale sia delle organizzazioni sindacali, che mostrano apparenti aperture alle esigenze della cittadinanza ma poi finiscono per concordare sottobanco le future scelte strategiche per Roma. Altrettanto dura la posizione delle lavoratrici nei confronti delle scelte privatistiche dell'Amministrazione, che cerca di contenere il numero delle strutture a gestione diretta favorendo i privati in convezione, i quali riescono ad contenere il costo del servizio sottopagando il personale ed aumentando le ore di lavoro a contatto con i bambini». «L'assemblea ha pertanto deciso unanimemente di confermare i due giorni di sciopero, indetto dalla RdB-CUB per il 28 e 29 settembre - conclude la nota sindacale - e di continuare la protesta attraverso iniziative di mobilitazione nei confronti del Consiglio Comunale e dei Consigli Municipali e con azioni di vera e propria disobbedienza civile, fino a quando l'Amministrazione non porrà in essere azioni concrete per ripristinare almeno le unità tolte nei nidi e nelle sezioni ponte e dimostri più rispetto per il lavoro di chi ogni giorno si impegna per far vivere meglio le future generazioni».


9 settembre 2009 - Il Messaggero

Roma. Continua il "settembre caldo" della scuola...

Roma - Continua il "settembre caldo" della scuola. Ieri circa 300 precari della materna e dell’infanzia si sono riuniti nei locali di via Capitan Bavastro, sede degli uffici comunali, per pianificare le iniziative sindacali da mettere in atto in questo inizio di anno scolastico: due i giorni di sciopero previsti il 28 e il 29 settembre. Diverse le richieste avanzate dal sindacato Rdb-Cub: assunzione in ruolo delle supplenti del corso-concorso bandito nel 2004-2005, assunzione immediata delle 150 vincitrici del concorso pubblico, realizzazione di un piano di stabilizzazione destinato ai supplenti del 1997 e pubblicazione delle supplenti brevi. E intanto prosegue anche la protesta del comitato precari davanti al ministero dell’Istruzione dove gli insegnanti hanno trascorso la notte in due camper e tre tende posizionati davanti al Palazzo di viale Trastevere. Ieri alle 19. 30 è stata indetta un’assemblea pubblica. «Andremo avanti a oltranza - assicura uno dei precari del Coordinamento - Abbiamo predisposto un calendario dei turni per assicurare la presenza ogni notte di una decina di esponenti del Coordinamento e prepareremo un programma delle iniziative». Tra queste «una manifestazione che faremo a fine settembre».


9 settembre 2009 - Leggo

Roma. Si infiamma la protesta dei precari della scuola...

Roma - Si infiamma la protesta dei precari della scuola. Mentre i supplenti delle elementari, medie e superiori protestano sotto il ministero, divampa il malumore anche tra le educatrici degli asili comunali pronte allo sciopero. Le stime presentate dal sindacato RdB, promotore dell’assemblea di ieri, parlano di un esercito di 2000 precari che, ogni anno, mandano avanti le strutture capitoline tra materne e asili nido in attesa di una stabilizzazione, soprattutto tra i vincitori di concorso. Il personale in agitazione incrocerà le braccia nella due giorni di sciopero il 28 e 29 settembre, senza escludere eventuali "blitz" di protesta in consiglio comunale.(L.Loi./ass)


8 settembre 2009 - Omniroma

SCUOLA, LAVORATORI NIDI E MATERNE: «AL VIA SETTEMBRE 'CALDO'»

(OMNIROMA) Roma, 08 set - Circa 2mila precari. Sono i numeri della scuola materna e dell'infanzia di Roma forniti dal Rdb-Cub, che questa mattina si è riunito, con almeno 300 di loro, nei locali di via Capitan Bavastro sede degli uffici comunali per pianificare le iniziative sindacali da mettere in atto in questo inizio di anno scolastico. Molti i partecipanti, quasi esclusivamente donne, che lavorano nelle strutture comunali. Diverse le richieste avanzate dal sindacato e sottoscritte dalle lavoratrici: assunzione in ruolo delle supplenti del corso-concorso bandito nel 2004-2005, assunzione immediata delle 150 vincitrici del concorso pubblico, realizzazione di un piano di stabilizzazione destinato ai supplenti del 1997 e pubblicazione delle supplenti brevi. «Sosteniamo qualsiasi forma di mobilitazione - ha detto Betti di Rdb-Cub - la grande vertenza riguarda soprattutto i nidi che l'amministrazione vuole gradualmente privatizzare. Altri nodi sono il reintegro delle unità d'organico e il numero del personale nei nidi con 69 bambini, 14 educatori anziché 12». Intanto il sindacato ha fissato due giorni di sciopero previsti per il 28 e 29 settembre prossimi. «ma non escludiamo da oggi a questa data - ha concluso Betti - una protesta magari in consiglio comunale».


7 settembre 2009 - Carta

Asili nido in sciopero

Roma - Asili di Roma in sciopero per il prossimo 28 e 29 settembre. La mobilitazione è stata indetta dalle Rdb-Cub perché "a settembre – dice il sindacato – i nidi comunali riapriranno con tutti i problemi dello scorso anno. Dalla difficoltà nella gestione del servizio dovuta alla riduzione degli organici, all’incapacità di dare una risposta alle 9000 famiglie che, rimaste in lista d’attesa, non sapranno a chi affidare i propri figli. L’amministrazione capitolina, ancora una volta, non ha rispettato gli impegni assunti". Nei mesi scorsi, infatti, dopo le proteste del personale culminato con lo sciopero del 18 maggio al quale aderirono anche numerose famiglie, il Consiglio Comunale aveva approvato all’unanimità il potenziamento dell’offerta pubblica per il reintegro dei lavoratori. "Ciò nonostante – fanno sapere le sigle sindacali – Alemanno ha continuato a smantellare il servizio pubblico a favore di quello privato senza alcun controllo. Tanto per dirne una: il presunto reintegro del personale annunciato dall’assessore Marsilio avverrà solo in 18 strutture su un totale di 191 nidi. Gli altri 173 nidi riapriranno con il personale e con gli orari di apertura dimezzati. La riduzione del personale sarà così fatta pagare alle famiglie e alle maestre costrette ad un maggior carico di lavoro e a una flessibilità slegata dai progetti educativi".


* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni