UN APPELLO ALLO SCIOPERO DELLE PROVINCE DEL 6 DICEMBRE

Pubblichiamo l'originale contributo di un nostro iscritto della Provincia di Terni in una versione vernacolare, a sostegno dello sciopero del personale delle Province del prossimo 6 Dicembre con manifestazione-presidio che si terrà a Roma sotto il ministero degli Affari regionali in via della Stamperia, 8 a partire dalle ore 10,30

Nazionale -

IO SCIOPERO PERCHE'

 

Caro Collega io sciopero perché
sto modo de fa a me non me sta bé.
Le riforme non se fanno in barba alla Costituzione
ce vole semmai un po’ de concertazione.
Sta storia poi, che per il bene del Paese
bisogna de corsa da ‘na chiusa alle Province,
a me no,  proprio nu’ me convince.
Saremo pure tutti dipendenti  fannulloni
ma me sa tanto che ce stanno a pija pe’ cojoni.
Sapessi ch’è successo!
La notizia che toienno le Province ce risolve  tutti li guai,
pure la fame ner monno,
ha fatto balzà dalla tomba anche mi nonno.
Poretto! Ancora mezzo rintronato
nun se capacita de dove è capitato.
Al governo ce so le grandi intese,
ma non hai potuto sceglie
chi de rappresentatte c’ha le pretese.
Invece de un Papa ce ne so due
e tutti a capo chino, boni come il bue.
Nipote mio, me dice,
grazie per l’opportunità,
ma me sa tanto che torno nell’adilà;
sarò pure trapassato
ma in vita mia nun m’hanno mai cojonato.
Però te che armani, almeno datte na svegliata,
fa na battaglia, accenna na mossa,
abbasto io che sto già ne la fossa.
Perché, forse nun te ne sei accorto,
una grande pe’ voi la stanno già a scavà
ma sopra nun c’è scritto mobilità.
E quanno ormai ce sarai dentro
tardi arriverà il tuo lamento
perché se stavi accorto e leggevi co’ discernimento
c’era già scritto licenziamento.
Caro Collega ecco il perché oggi io sciopero anche per Te!

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni